Materiale

Polveri di metallo duro – Carburo di tungsteno

Il Widia, anche conosciuto come metallo duro, è un materiale utilizzato nelle lavorazioni meccaniche consistente di particelle dure di carburo di tungsteno inglobate in una matrice metallica (spesso cobalto).

Viene prodotto attraverso il processo della sinterizzazione, cioè polveri fini delle componenti vengono mescolate, pressate e poi riscaldate mantenendo una pressione alta in modo che i granuli delle polveri si uniscano a formare un pezzo unico.

La denominazione gergale Widia deriva dal marchio registrato della Krupp che inventò nel 1926 questo materiale e lo chiamò Wie Diamant (come diamante).

USO

I metalli duri vengono utilizzati per realizzare utensili per processi industriali ad asportazione di truciolo (tornitura, fresatura, foratura) oppure per ogni altro processo nel quale viene richiesto un materiale di elevata durezza (taglio, frantumazione, anti-usura, etc.).

VANTAGGI

Gli utensili in metallo duro sono più duri di quelli in acciaio rapido e super rapido (HV 1500 rispetto a HV 1000) e resistono a temperature di taglio più elevate (1000 °C rispetto a 600 °C), permettendo quindi velocità di lavorazione superiori.

(cit. Wikipedia)

La Novutensil tratta metallo duro di tutti i tipi: dalla qualità micrograna come HM (per la lavorazione di acciai inossidabili, leghe di titanio, ecc.) e HM20 (per ghisa, metalli non ferrosi, materie plastiche, ecc.) alla qualità ultrafine come HSC4 e HSC2 (per la lavorazione ad elevata velocità HSC) o HM08 (per la lavorazione di materiali ultraduri e molto abrasivi) alla qualità G (anti-urto).

Widia

Metallo duro

Oltre al Widia, che rappresenta il cuore delle nostre lavorazioni, lavoriamo anche varie tipologie di acciaio (rapidi, super rapidi e sinterizzati), ferro e leghe di alluminio in base ai materiali che questi utensili andranno a lavorare.